Poi

Io poi mi sono provata a immaginare che quello era davvero un ponte, il ponte di una nave, e che al di là delle vetrate grandi c’era come un mondo marino, forse anche sottomarino, ma boh, sarà che non  abbastanza in alto, cioè, che cazzo dico, non sono per niente in alto. Da casa mi sembra di essere in picchiata invece, sono troppo in alto forse, ma in fondo non mi dispiace, la sensazione peggiore era quando mi pareva che le pareti fossero di vetro e tutti da fuori mi potessero vedere, adesso sto in un acquario e non me ne frega mica niente, boh; insomma io non ce la faccio tanto.
Non ce la faccio né tanto né poco, mi rompo, poi sono un po’ contenta per uno, due momenti, poi mi scasso di nuovo e voglio essere tutta in un altro posto, voglio poi anche dormire, cucinare, togliermi le scarpe, ho perfino sognato che avevo i piedi nudi sul legno del fintopontedellanave ma ero in imbarazzo, ho bisogno di star sola, con delle altre persone, diverse, prese una a una, voglio andare al Valentino quando fa un po’ più caldo a passeggiare e poi a leggere un libro sul prato, e più è primavera e più mi viene la voglia di ricominciare a fumare.
E adesso poi basta, vado al mare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ciccipuccimucci, condominio e dintorni, il peso della mole, pessimismo e fastidio, viaggi. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Poi

  1. anonimo ha detto:

    va bene.
    bella bella la storiellina del topino blù!
    la tituliar

  2. RobySan ha detto:

    E' la Primavera che mette su questi desideri di andare in girùla per di qua e per di là e sedersi sul praticello e leggiucchiare. Poi, in giro, ci sono un sacco di fiori e pianticelle colorate di rosso-bianco-verde che è una meraviglia (e che parapiglia, sembra di essere a Marsiglia, però manca la medaglia e lavoro controvoglia stropicciandomi la maglia come un asino che raglia per la coda nella teglia. Con l'aglio e l'olio, ben distino dal grano, dl tulipano, dal mercaptano [*] e da tutte quelle cose che suffiggono [**] in "ano").

    [*]: cos'è il mercaptano? e che cavolo ne so! cercatevelo con google
    [**]: voce del verbo "suffiggere" cioè avere per suffisso o fare da suffisso.   
    (ah! ma no, tu nun si fisso, si fesso. Capisci a mme!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...